HOME     

coltivare

vedere

leggere

acquistare



news

articoli

links

map

appuntamenti



forum

group

chat

contact

Orchidando.forum

Il forum delle Orchidee
Oggi è 14 ago 2020, 2:31

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 27 dic 2019, 21:30 
Non connesso
iscritto
iscritto

Iscritto il: 20 ott 2018, 9:37
Messaggi: 10
Buonasera a tutti,

Sto appresso alle orchidee da qualche anno e ho Phal e Paphiopedilum che venogno su molto bene. Ho però purtroppo problemi con le Oncidium, i cui pseudobulbi, dopo un po' si seccano e quindi muoiono.
Nella fattispecie ho qui questa oncidesa che dopo qualche mese dall'acquisto, si è andata lentamente seccando: ha due nuovi getti ma non so come andrà a finire.

Forse non sono in grado di trovare in giusto equilibrio tra il mantenerle umide e l'innaffiarle troppo.
Vi posto delle foto sperando che mi possiate dare dei consigli.
Grazie!

https://imagizer.imageshack.com/v2/640x ... 7t29Ru.jpg


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 28 dic 2019, 1:52 
Non connesso
veterano
veterano
Avatar utente

Iscritto il: 1 nov 2007, 20:19
Messaggi: 513
Località: Padova
Da quel che si vede, sembra che il substrato sia molto bagnato, quindi è probabile che abbia avuto troppa acqua e che l'apparato radicale sia andato


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 28 dic 2019, 11:21 
Non connesso
iscritto
iscritto

Iscritto il: 20 ott 2018, 9:37
Messaggi: 10
Ho capito ma quindi uno come si regola con le oncidium? Dicono che vogliono un ambiente smepre molto umido...poi però inevitabilmente marciscono?


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 29 dic 2019, 23:09 
Non connesso
veterano
veterano
Avatar utente

Iscritto il: 1 nov 2007, 20:19
Messaggi: 513
Località: Padova
Ambiente umido non significa annaffiarle spesso, significa che l'umidità dell'aria deve essere alta. Per gli oncidium le bagnature vanno come per le phalaenopsis, ovvero si bagna dopo che il substrato si è asciugato


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 30 dic 2019, 10:30 
Non connesso
iscritto
iscritto

Iscritto il: 20 ott 2018, 9:37
Messaggi: 10
Ok ma poichè a casa mia non c'è un ambiente umido, nè ho una serra, come posso ovviare alla poca umidità dell'aria? Sono comunue ibridi in qualche modo dovrebbero pur farcela in appartamento. Basta qualche trucchetto in più forse, che però io non ho...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 31 dic 2019, 12:10 
Non connesso
iscritto
iscritto

Iscritto il: 9 lug 2018, 18:40
Messaggi: 18
Ciao

anch'io ho in casa diversi ibridi di Oncidium (per intenderci quelli comprati nei centri commerciali) , effettivamente nella foto per la tua pianta il bark sembra molto bagnato , anche io non ho serre, di solito tengo tutte le piante in un locale a temperatura intermedia (circa 17° C), con molta luce e poca acqua - data la bassa temperatura media - , giusto per non disidratare troppo gli pseudobulbi, che stanno vegetando e alcuni sono già in fiore...in questo locale tengo tutte le piante che non possono stare in esterno in inverno, e la U.R. oscilla sui 75%-80% (ho un sensore che mi indica il valore...).

Anche se non é periodo, io svaserei la pianta per verificare i danni; taglia con forbici disinfettate tutte le radici vuote e le parti marcescenti e valuta: se non ci sono più parti vitali (ovvero radici con fusto bianco latte e puntina verde) tenta il recupero con la sfagnoterapia...

Ciao e.... Buon Anno!!! :wink:


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 2 gen 2020, 11:40 
Non connesso
iscritto
iscritto

Iscritto il: 20 ott 2018, 9:37
Messaggi: 10
Buon anno anche a te e grazie mille davvero per la tua esauriente risposta!

Non conosco bene la sfagnoterapia ma posso senz'altro cercare tutorial su internet, nessun problema dunque.

Una cosa che non capisco però è: se le radici non ci sono più o se comunque sono marcite perchè a contatto con troppa umidità del terriccio, perchè rimetterle di nuovo in un ambiente umido?

Ho tutta l'intenzione di provarci, non fraintendermi: è che logicamente non lo capisco molto... :shock:

Grazie e buon anno ancora!


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 3 gen 2020, 12:43 
Non connesso
iscritto
iscritto

Iscritto il: 9 lug 2018, 18:40
Messaggi: 18
Ciao Cucciola

in natura normalmente le orchidee gradiscono buona umidità e ventilazione ambientale...
quando le coltiviamo noi invece, il più delle volte sono costrette (se non in zattera) in vasetti di plastica opportunamente forati, ma tutto ciò non basta a garantire l'areazione dell'apparato radicale, che spesso a contatto con un sub-strato non adatto rimane troppo bagnato dopo le irrigazioni (soprattutto all'interno del vaso) e irrimediabilmente marcisce...

in sfagno terapia la pianta piano piano si riprenderà poiché il micro ambiente é favorevole alla riemissione di nuove radichette:
in buona sostanza si posiziona ciò che rimane della pianta in un contenitore trasparente (meglio se di vetro), disponi sul fondo dello sfagno inumidito, e fai in modo, con dei bastoncini, che la pianta non tocchi le pareti del contenitore, che dovrai sigillare con un sacchetto trasparente con degli elastici. Fissa saldamente il sacchetto sul bordo, e con una cannuccia soffia aria nella "mini serretta fai da te" . Una volta teso il sacchetto controlla che la pianta non tocchi neanche il sacchetto, pena marciume per ristagno d'acqua, poi sfila velocemente la cannuccia, cosicché la piantina rimanga nella sua "serra casalinga". Sistema il tutto in posizione luminosa e a temperatura casalinga, ma non in sole diretto, altrimenti si rischia di lessare la pianta e attendi...

di volta in volta controlla che non manchi umidità nella "serretta" e se tutto va a buon fine già a primavera si dovrebbero vedere i primo bozzi radicali....

ciao!!!! :D


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 6 gen 2020, 10:31 
Non connesso
iscritto
iscritto

Iscritto il: 20 ott 2018, 9:37
Messaggi: 10
Ciao Anna Maria,

Grazie mille della tua esauriente risposta.

Aggiornamento rispetto alla situazione: una settimanella fa buona, ho eseguito un rinvaso perchè ero convinta che quel medium non andasse affatto bene. Ho fatto un rinvaso mettendo per lo più bark e spaghnum.

La situazione non mi sembra molto cambiata. Tuttavia i due nuovi getti continuano a crescere e a buttar nuovi radici mentre gli altri pseudobulbi continuano a rinsecchirsi. E' forse questo anche il normale procedimento degli pseudobulbi, quello di rinsecchire mentre un novo pseudobulbo va formandosi?

Allego qui degli scatti appena fatti in cui spero si vedano radici nuove, gli pseudobulbi nuovi ma anche i vecchi. Se tu credi sia il caso di procedere con la sfagnoterapia, lo farò.


http://imagizer.imageshack.us/v2/640x48 ... CuIn2p.jpg
http://imagizer.imageshack.us/v2/640x48 ... DBBQ3t.jpg
http://imagizer.imageshack.us/v2/640x48 ... 395lju.jpg
http://imagizer.imageshack.us/v2/640x48 ... aYXVuU.jpg
http://imagizer.imageshack.us/v2/640x48 ... 0MsA7l.jpg


Grazie mille e buon anno!!


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it