HOME     

coltivare

vedere

leggere

acquistare



news

articoli

links

map

appuntamenti



forum

group

chat

contact

Orchidando.forum

Il forum delle Orchidee
Oggi è 27 set 2020, 8:43

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 878 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 59  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Sfagnoterapia, diario
MessaggioInviato: 4 mag 2007, 20:54 
Non connesso
VIP
VIP

Iscritto il: 21 ott 2005, 23:34
Messaggi: 10580
Località: Provincia di Bergamo - mt 550 slm - zona climatica 7b (USDA)
Ciao a tuttissimi :D

o meglio, come la chiamo io.... "terapia intensiva con prognosi riservata!"

Premessa.
Spero vivamente di non annoiare in quanto è un post luuuuunghissimo con molte foto atte a comprendere quel che ho fatto e i relativi risultati.
Chiedo scusa per chi avesse la connessione lenta, ma a mio modesto parere, le foto postate servono per comprendere meglio e poter essere di aiuto .

Trattasi di sola mia esperienza personale con quel poco che sò


E' stata fatta su Phalaenopsis "Mini Mark". la fioritura non è merito mio: acquistata già fiorita l'8 dicembre 2006

Immagine




18 gennaio 2007, si ribalta e tutto si rovescia, decido così di fare una delle mie solite "prove sceme"

ecco come si presentavano nell'insieme le radici

Immagine







:roll: :roll: :roll: :roll:





all'8 marzo 2007...dopo la mia prova "scema", voluta,... me la ritrovo senza radici e con le foglie abbastanza disidratate

Immagine





8 marzo 2007
decido di provare la sfagnoterapia

Dopo averla pulita per bene immergo appena, appena la sola punta in ormoni radicanti e scrollo per bene

Immagine




Bagno lo sfagno secco disidratato con acqua tiepida e lo strizzo non molto, prendo un sacchetto e metto lo sfagno sul fondo per almeno 5 cm. in altezza (tanto per intenderci)

Immagine




adagio la phal in prima battuta in questo modo

Immagine




ma non mi convice per niente, allora la metto quasi diritta, infilando un poco il colletto della phal nello sfagno

Immagine




e chiudo il sacchetto, posizionando il tutto davanti alla finestra con entrata sole al mattino, per aiutare la formazione di condensa e mantenere più caldo all'interno

Immagine




ma quel sacchetto non tiene!! lo sostituisco con uno da "freezer"

Immagine




non sta in piedi, non voglio che le foglie tocchino lo sfagno o le pareti del sacchetto, allora lo sgonfio e metto il sacchetto in un vaso

Immagine




Dopo alcuni giorni di attenta osservazione.... la sistemazione non mi convince.



Decido che messa in quel modo non va affatto bene: la condensa del sacchetto praticamente è a contatto con alcune foglie e il sacchetto è troppo piccolo. Mi accorgo di questo perchè si sgonfia molto facilmente.






15 marzo 2007 rifaccio tutto di nuovo.
Nel toglierla dal sacchetto vedo che tutto prosegue bene.
Devo trovare qualcosa di trasparente che mi permetta di vedere e tenere sotto controllo meglio, ma soprattutto che tenga in piedi la pianta.
Trovato! un barottolo grande di vetro ben lavato, alto 20 cm x diametro 11 cm. (sottaceti)




sciacquo lo sfagno usato in precedenza per bene in acqua calda (forma condensa in un baleno!) e lo strizzo al "punto giusto", lo posiziono in fondo al vaso e adagio la phal

Immagine




sezione verticale, per notare l'altezza dello sfagno e la condensa già formatasi ancora prima di mettere la pianta

Immagine





Non posso mettere il coperchio a vite del barattolo perchè le foglie avanzano fuori e, a mio modo di vedere, anche perchè lo spazio all'interno è piccolo. Decido di mettergli il cappello da cuoco! il sacchetto "da freezer" ulizzato predentemente e fermato in fondo con un elastico

Immagine




Eccoci di nuovo in partenza!

Immagine




poco più di 3 quarti d'ora dopo, già s'è formato all'interno molta umidità anche il sacchetto s'è riempito!!
Notare!! questa condensa NON è ancora sufficiente!

Immagine





:roll: :roll: :roll: :roll:






Nel frattempo, tengo osservato il vaso tutti i giorni.



21 marzo 2007
decido che il sacchetto è troppo grande a chiusura del vaso perchè si forma poca condensa e mi coglie il dubbio che prenda troppo sole... ecco le foto

dalla parte dove riceve il sole: condensa assente

Immagine




e dalla parte opposta dove NON lo riceve: condensa giusta e anche un pò troppa, secondo me

Immagine




e decido di ......abbassarle la gonnellina
Immagine






Il 23 marzo 2007 ....va meglio!!

c'è molta più condensa all'interno e il sacchetto si sgonfia, buon segno! dal mio punto di vista

Immagine





:roll: :roll: :roll: :roll:







26 marzo 2007
Mi sento anche un pò stanca , ma soprattutto curiosa e sbircio attraverso il vaso per bene.....mi pare di intravedere qualcosa!! ma non riesco a capire...... la curiosità va alle stelle e decido!!

tolgo il cappello e sbircio..... felice come una bambina vado di corsa a cercare la fotocamera ed ecco che ti vedo!!!!

Immagine




Non ci posso credere...sono davvero contenta......una fogliolinaaaaaa che cresce!!! uso lo zoom ed avvicino

Immagine





Bene super contenta e soddisfatta richiudo il tutto!!
Nei giorni successivi ho un gran daffare a gonfiare sacchetti, però son contenta perchè secondo me tutto sta andando per il meglio.
Vi posto le foto così che possiate notare la condensa GIUSTA in cima al sacchetto


gonfio per bene

Immagine




e si sgonfia...sempre così....

Immagine


Per il gonfiaggio sacchetto!!
Non tolgo il sacchetto, ma scosto l'elastico e il sacchetto dal vaso poco, poco. SOLO quel tanto che basta per soffiarci dentro proprio per NON modificare troppo il micro clima che si è creato all'interno.
Il cappello, diciamo, l'ho tolto completamente solo alle date scritte





:roll: :roll: :roll: :roll:






7 aprile 2007
Decido....è il giorno del mio compleanno e voglio farmi un regalo..... apro e tolgo tutto...... voglio vedere che succede là sotto!!



la pianta in generale sta bene e la nuova fogliolina è cresciuta

Immagine



e????



ne spunta un'altra!

Immagine



e??????

.......... finalmente!!!!

una tanto,

ma tanto,

ma tanto,

ma tanto???



sospiratissima radichetta piccina, picciò!!!

Immagine




Controllo tutta la phal....sta bene! il nero che si vede è tutto sodo!
niente molliccio....... a questo punto tiro un gran sospiro di sollievo
e vi faccio vedere il suo stato di salute.



la pianta in generale

Immagine





e le sue vecchie foglie...sempre disidrate

Immagine






Sono soddisfattissima! Mescolo per bene lo sfagno sul fondo, comprendo "al tatto" che manca di umidità quindi lo spruzzo, sempre rimestando per bene, lo sistemo in modo molto soffice e riposiziono la pianta nel vaso

Immagine

A questo punto chiudo il vaso con il suo sacchetto a gonnellina.





:roll: :roll: :roll: :roll:






Controllo sempre ogni giorno e un giorno si e uno no, circa, devo rigonfiare il sacchetto.

Vado a MPC e faccio la vostra conoscenza ravvicinata! raccontando della mia esperinza di "terapia intensiva con prognosi riservata" mi dicono che a questo punto potrei sciogliere la prognosi :roll: :roll: :roll: :roll: noooo! rispondo loro: " Lo farò solo quando vedrò altre radici"


Arrivo a casa e la prima cosa che mi viene in mente, dopo aver scaricato l'auto e portato tutto in casa......è andare a vedere.


Il sacchetto era tanto sgonfio che è stato come "risucchiato" dentro al vaso!!! pauraaaaa :? :? Mi dispiace non ho pensato di far foto in quel momento, ma solo di rigonfiare il sacchetto!!


Nei giorni successivi tutto prosegue sempre come al solito... gonfiaggio saccchetto!





:roll: :roll: :roll: :roll:







27 aprile 2007
La mia pazienza ha sempre un limite moooolto limitato e decido che devo di nuovo aprire quel benedetto sacchetto..... voglio vedere!!!


Tolgo la pianta dal vaso.
Anche la seconda fogliolina è cresciuta, ma la prima mi sembra si sia fermata nella crescita

Immagine



e????



feliceeeee!!!! le dico "Bravissima, ma lo sai che sei proprio brava, dai! che forse ce la faccciamo!!!!"

SONO ARRIVATE LE TANTO ATTESE RADICIIIII!!!!

Immagine




sempre più contenta ricontrollo da cima a fondo la pianta, è tutto ok!!
ed eccola di nuovo qui!

Immagine




Riposiziono e richiudo il tutto.
Stanca di gonfiare in continuazione il sacchetto decido di dargli più spazio in altezza in modo che abbia più aria....





:roll: :roll: :roll: :roll:






1 maggio 2007
L'aumento della grandezza del sacchetto funzionaaa! da quando l'ho deciso, 27 aprile, ad oggi non ho più gonfiato.
Vi lascio le ultime immagini dll'1 maggio 2007



nella sua "stanza"

Immagine




la sua GIUSTA umidità, ... da una parte

Immagine




e dall'altra

Immagine



sotto la gonnellina. Non si vedono le goccioline, ma se guardate i pezzetti di sfagno lungo le pareti del vaso... noterete che è bello carico di acqua!

Immagine



Per il momento non me la sento di sciogliere la prognosi :roll: :roll: :roll: pertanto rimane riservata!!!! :lol:






:roll: :roll: :roll: :roll:






20 maggio 2007
Oggi decido che è giunta l'ora di guardare un'altra volta e tolgo tutto, in generale va tutto bene e prosegue al meglio.

Il sacchetto si presenta abbastanza sgonfio. Devo confermare che l'aver aumentato la grandezza del sacchetto mi ha permesso di non dover mai gonfiarlo fino a oggi.


Ve la mostro....ecco le radici che nel frattempo sono cresciute :shock: mai avrei immaginato crescessero così alla svelta!!

Immagine



la pianta in generale

Immagine



Avevo appena preparato l'acqua per bagnare le altre orchidee con il fertilizzante NPK 30.10.10. e decido di farle il bagno.
La immergo tutta, compreso le foglie, nella bacinella per 4 o 5 minuti e poi la tolgo.

Immagine




A questo punto decido che è ora di metterla nel vaso, vista la lunghezza delle radici: se aspetto ancora un pò ho l'impressione che nel vaso non ci entra più :? se non piegare poi le radici... infatti ....



Prendo il vaso e inizio l'operazione, come volevasi dimostrare...devo sceglierlo largo e basso: con questa misura comunque le punte delle radici toccano il vaso da due parti..... spero che si cùùrrrvinoo!!! :roll: 8)

Immagine



Preparo il substrato con bark grosso, qualche pezzo di carbonella e sfagno.
Per mia scelta personale non metto mai nessun materiale drenante in fondo ai vasi: a mio modesto parere, :wink: non ce n'è bisogno in quanto il substrato è super drenante di suo, ottenendo in questo modo maggior circolazione di aria tra le radici nel vaso.

Immagine



posiziono la pianta

Immagine



e finisco di aggiungere il substrato stando attenta a non compromettere in nessun modo le tanto attese e sospirate nuove radici. Mai come in questa occasione sono stata così accorta :oops:
Ecco pure le due foglie cresciute in terapia intensiva.

Immagine




Il substrato preparato e prima di utilizzarlo...... l'ho lasciato a bagno per bene con l'acqua contenente fertilizzante NPK 30.10.10, visto che l'avevo a portata di mano.
Nel vaso si forma quasi subito molta condensa, dove si può intravedere una radice che con la punta tocca praticamente il vaso.

Immagine




Ragionando ... anche se le radici sono belle cresciute, ma dopo circa 2 mesi e mezzo vissuta con umidità altissama .... NON posso metterla in casa così di colpo. Perciò rimetto il vaso e tutta la pianta nel sacchetto consapevole di quel che potrebbe succedere. :?


Immagine




e richiudo il tutto.
Da notare che questa volta l'umidità del sacchetto è molto ridotta rispetto a prima e intendo mantenerla tale, in modo che l'orchidea si abitui a minor umidità..... :roll: speriamo bene!

Immagine



e di nuovo si riparte.

Immagine



A questo punto la prognosi è sciolta ed esce dalla terapia intensiva, ma rimane sotto stretta osservazione! :lol: :? :roll:










:roll: :roll: :roll: :roll:






31 maggio 2007
Lo so, sono passati solo 11 giorni, ma in quel sacchetto è a rischio! (o almeno così leggo in rete)
Anche se ho già avuto in passato un'esperienza con un Paphio rinvasato con bark , tenuto nel sacchetto completamente chiuso per circa 2 o tre mesi e tutto finito a meraviglia.
Non credo molto a quanto ho letto, ma non posso rischiare: era la prima "prova scema" e potrebbe essere stata solo fortuna.

In questi giorni, sono stata molto attenta affinchè nel sacchetto non ci fosse troppa condensa.
Sono comunque in pensiero: il sacchetto non lascia intravedere nulla, perciò apro e tolgo il vaso.



La pianta in generale sta bene, il bark in superficie è asciutto

Immagine




ma?....come prendo il vaso e osservo.....la prima cosa che si affaccia e che mi lascia alquanto perplessa sul cosa stia avvenendo all'interno del substrato.... è


l' ALTA CONDENSA nel vaso!

Immagine




Una radice con la PUNTA NERA! giro velocemente il vaso e ne trovo altre

Immagine





OK! decisione drastica! Tolgo la pianta dal substrato!
Non ho altre alternative, bisogna guardare cosa stia succedendo sotto ed ecco che trovo.




Le radici hanno la punta marrone, ma non sembra molle al tatto, anzi! sembra che grattino passandole sul dorso della mano

Immagine

Immagine




Stanno crescendo altre radici anche se tutto attorno è nero, ma tutto abbastanza ben sodo

Immagine




La radice che si vede nella foto sotto sulla sinistra è un pò raggrinzita.
Il nostro caro Giulio mi ha insegnato che vuol dire RADICE TROPPO BAGNATA A LUNGO!!!!

Immagine





Abbastanza delusa :roll: :oops: :? perchè mi rendo conto che il sacchetto chiuso va bene!! ma il substrato l'ho bagnato troppo al momento del rinvaso :evil: eppure sapevo quanto doveva essere umido quel poco sfagno che avevo aggiunto al substrato: fuppa!!





Gira, osserva, pensa! e gira, osserva, pensa! ....... :shock: :shock: :shock: il morale si alza in fretta, che ti vedo? :shock:

tra

l'ascella

delle

foglie

vecchie ???? :shock: :D :P




un KEIKI!! non ci posso credere! non avevo mai sentito, nè letto di una cosa simile dopo la sfagnoterapia, Anzi!!! si dice e leggo sempre... di stress, stress, stress e ancora stress:roll: :? :?
Vi pare che sia stressata la pianta? a me personalmente proprio no! :D :P

Immagine

Immagine




ed un altro sta spuntando nell'ascella opposta.... = 2 keiki!!!

Immagine




A questo punto RIPROVO a sentire il nero. E' sodo!! non so che fare, fuppa!
Il bagno nel Previcur?... non voglio farlo: le radici sono già belle bagnate.
La cannella?... mi lascia alquanto perplessa.

A furia di pensare, mentre la mia orchi sta a gambe all'aria :roll:
Idea!!!! Il Cicatrene?... Ragionando, certo questo dovrebbe aiutarmi nel cicatrizzare le eventuali parti molli e nere che non riesco a sentire.



Una bella spolverata sulle punte nere delle radici

Immagine




e su tutta la base della pianta che si presenta di colore nero

Immagine




A questo punto rimetto la pianta nel suo vaso con il substrato precedente ed osservo girandolo per bene. Le punte si vedono di nuovo marroni, scosto il substrato e spruzzo di nuovo cicatrene

Immagine




faccio in modo che i due keiki si possano vedere

Immagine



Riguardo il tutto, metto di nuovo il sacchetto, chiudo e si riparte!

Immagine





:roll: :roll: :roll: :roll:





17 giugno 2007
Sono abbastanza tranquilla, ma oggi è di nuovo il suo turno!
Apro il sacchetto: sono per natura una curiosona senza pazienza! :lol:

Ecco che mi ritrovo :evil:

Già al primo apparire non mi piace.
So di per certo e dalla mia esperienza personale che, quando le radici escono dal substrato vuol dire che non è di loro gradimento.
Vedete la punta verde in mezzo al bark?

Immagine




L'umidità all'interno del vaso finalmente E' GIUSTA!, sempre secondo il mio modesto parere

Immagine




infatti le radici crescono

Immagine




e adesso guardate come sono cresciuti i??????? keiki!!!!
Immagine




La radice che esce dal substrato mi fa decidere di SVASARE nuovamente e tolgo la pianta dal substrato ed ecco cosa trovo.




Le radici sono aumentate di numero

Immagine




esiste sempre la parte nera, ma è molto soda, anzi proprio dura!

Immagine




I keiki nel loro insieme.
Spunta una piccolissima radice vicino al keiki sulla destra del monitor

Immagine




Ora osservate le foglie come sono MENO disidratate rispetto alla data del 7 aprile 2007. Il sacchetto chiuso funziona alla grande! :D

Immagine




OK! tutto bene! sono proprio felice.

Immergo tutta la pianta nella bacinella contenente concime NPK 30.10.10 per 5 minuti e nel frattempo passo ad osservare il bark :shock: :?




Premessa... ho acquistato il bark due volte da una ditta francese e non ho mai dovuto scegliere, nè tantomeno osservare se era adatto o meno: sempre usato tal quale.
Ad essere sincera fino in fondo ho pure usato bark da pacciamatura, selezionando i pezzi grandi e solo lavato in acqua fredda per togliere la polvere.
Mai, dico mai, e sottolineo mai, mi sono trovata a dover svasare orchidee perchè non gradivano il substrato.




Tornando al mio substrato, no! anzi a quello della Mini Mark...... Bingoooooooo!!
Oltre a vedere degli animaletti di colore "beige" piccolissimi e velocissimi, che non mi riesce proprio di fotografare e che non muiono nemmeno immergendo nell'acqua il bark. Ecco che mi ritrovo

muffa su vari pezzi di bark, parecchi devo dire

Immagine




Non posso far altro che eliminare i pezzi con la muffa, lavare per bene il substrato e interrare, non prima di aver messo cicatrene sull'unica punta marrone che mi ritrovo

Immagine




e si riparte!

Immagine

Immagine





:roll: :roll: :roll: :roll:





22 giugno 2007
Ragazzi! Amici cari tutti!!! Questo E' UN GRANDE GIORNO!!

La mia Mini Mark PER NULLA STRESSATA, MI STA CHIEDENDO DI USCIRE DAL SACCHETTO !!!!!

E per seconda cosa? Oggi ho finalmente la conferma che IL SACCHETTO CHIUSO VA BENISSIMO: fa davvero la sua funzione di formare e trattenere l'umidità "alta" che altrimenti non sarei in grado di dare alla pianta in casa!!!


Sapete come l'ho capito?

Il sacchetto non sta bene "alzato" ma si è allargato!! Ho gonfiato, ma niente da fare le foglie vecchie non seguono più il sacchetto!!!! :shock: :shock: :shock: ma è il sacchetto che segue loro!

Ecco a voi le foto, che ho dovuto fare il giorno dopo...... perchè me ne ero scordata! scusate....

Immagine

Immagine




Infatti tolgo il sacchetto e le vecchie foglie sono turgide!

Ecco le foto del sottofoglia così vi rendete conto del cambiamento, rispetto al 7 aprile e al 17 giugno 2007!!

Immagine

Immagine

Immagine




E così finisce in "pol position" all'esterno sul davanzale della finestra, dove io possa comunque tenerla sotto controllo sempre! e si prende pure il sole al mattino presto..

Immagine




i suoi keiki nel frattempo crescono

Immagine




e la radice vicino al keiki a destra del minitor è cresciuta!
Immagine





:roll: :roll: :roll: :roll:





30 giugno 2007
Tutto procede al meglio. Eccola di nuovo qui!

Immagine




le radici "visibili" all'interno del vaso crescono

Immagine

Immagine




ma le foglie vecchie si stanno disitradando di nuovo

Immagine




e sempre le foglie vecchie iniziano a diventare GIALLE!

Immagine




Fuppa!!! Oggi sono demoralizzata, non so proprio cosa fareee!!!!

Non ne posso proprio più! lascio la pianta al suo destino!! :roll: :?





:roll: :roll: :roll: :roll:





17 luglio 2007
Oggi è di nuovo travaso!!
All'interno del vaso si vedono di nuovo gli animaletti "beige" sempre molto veloci! Sono talmente tanto stanca che questa è la sua ultima possibilità: altro io non so che fare!

Ho scostato e tolto un pò di bark superficiale e tutte le radici stanno crescendo verso l'alto! :shock:


A parte che la pianta in generale sta bene, come potete vedere

Immagine




Dopo averle fatto di nuovo il bagno nell'acqua con NPK 30.10.10, ve la mostro, così vi renderete conto che anche questo travaso ci voleva!!

Le radici in generale...crescono proprio tutte all'insù

Immagine




Il keiki che cresce e la radice sotto che si allunga sempre di più, ma verso l'alto e non verso il substrato
Immagine




Altra radice nuova che cresce verso le foglie

Immagine




Le foglie "vecchie" si stanno sempre più disidratando

Immagine




e diventano sempre più gialle, ma probabilmente stanno dando tutto di se ai due keiki! almeno così penso.....

Immagine




Il bark!!!! ispezionato e super visionato!

Ve lo mostro, affinchè possiate rendervi conto che questo bark proprio non va e che vi sia di aiuto nello scegliere quello giusto per i vostri rinvasi


Immagine

Immagine

Immagine




Mi fanno decidere di prendere l'auto e andare a Varese a prenderne dell'altro che vendono SOLO e specificatamente per le orchidee.....appunto!

Memore dell'esperienza precedente, stavolta lo setaccio tutto pezzo per pezzo, elimino quello che secondo me non va bene e lo lavo tutto sotto acqua corrente caldissima, più e più volte.




Dopo di che, interro di nuovo la mia Mini Mark il giorno 18 luglio 2007

Immagine

Immagine




Con questo chiudo qui il mio diario, sottolineando che è solo mia esperienza personale che ho voluto condividere con voi.





:D :D :D :D :D :wink:




Da notare che..... al posto del sacchetto si può usare qualsiasi altra cosa, purchè sia a tenuta di umidità all'interno. Scatola trasparente, bottiglia di plastica, un contenitore di vetro rovesciato...e chi più ne ha???
più ne metta!
Io, personalmente, preferisco di gran lunga il sacchetto: sono certa che quando si sgonfia?... al suo interno c'è vita!
Questo mi permette di vivere con tranquillità e in santa pace! Sperimentato tantissime volte con le talee di piante diciamo "un pò difficili" e sempre mi ha dato ottimi risultati e sicurezza nel continuare.


Grazie per la pazienza che avute avuto nel leggermi fin qui e di nuovo chiedo scusa per la lunghezza del post, specialmente a chi avesse una connessione lenta!


Ripeto è solo mia esperienza personale che ho voluto condividere :D :P



NB, consiglio! : mi permetto consigliare a tutti quanti leggessero, di non fermarsi qui, ma di continuare nella lettura di tutto il topic: ci sono considerzioni interessanti sui materiali da usare in alternativa allo sfagno ed una interessante, nonchè geniale, esperienza di sfagnoterapia senza sfagno! ed anche altre esperienze con i loro risultati.l

Buona lettura a tutti e che possa esservi di aiuto!
Dubbi? chiedete....

Nell'impossibile di reperire lo sfagno, lo si può sostituire benissimo con il cotone idrofilo, come descritto in sfagnoterapia SENZA sfagno

:P :D

_________________
ciaociao
piera


Ultima modifica di piera il 3 mar 2009, 21:13, modificato 22 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 4 mag 2007, 20:58 
Non connesso
VIP
VIP

Iscritto il: 21 ott 2005, 23:34
Messaggi: 10580
Località: Provincia di Bergamo - mt 550 slm - zona climatica 7b (USDA)
A ri-ciao!!

Considerazioni personali da "non studiata" quale solo in merito alla prova.


La prima prova l'ho sperimentata l'anno scorso nel periodo invernale e dopo 6 mesi è finita male :oops: per l'uso super abbondante di ormoni radicanti!! scoprendo dopo, che se usati in grande quantità diventano diserbanti!! alla faccia dell'essere radicante :? ed io, ignorante quale sono, che mi ero premunita di metterne il più possibile :oops: :oops: :lol:



Questa è la seconda prova!


A mio modesto e personale parere ci sono alcuni punti fondamentali, che si comprendono man mano che si acquisisce esperienza.... metterei in primis l'umidità e scambio aria all'interno che giocano un ruolo fondamentale nella buona riuscita e pertanto è importante LA QUANTITA' di sfagno da usare rapportandolo alla grandezza del contenitore.


Per quanto riguarda il tempo per la radicazione.
Credo che dipenda soprattutto dalla temperatura che si riesce a dare. Nel mio caso mi sono trovata in un periodo MOLTO favorevole che, potendo usufruire del sole diretto per qualche ora, ha contribuito a riscaldare il vaso.


Un'altra cosa in merito agli ormoni radicanti.
Per fare le talee diciamo "normali" non ho mai usato ormoni radicanti. Ragionando e osservando le foto da mettere nel post l'altra notte.... sono quasi sicura che non servono!! se si riesce a trovare il giusto equilibrio tra umidità e caldo


Ripeto è solo mia personale esperienza senza essere studiata nè esperta! :? :wink:


Ci scambiamo le opinioni e le proprie esperienze? :wink:


:P :D

_________________
ciaociao
piera


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 4 mag 2007, 21:12 
Non connesso
frequentatore
frequentatore
Avatar utente

Iscritto il: 23 feb 2006, 12:02
Messaggi: 118
Località: Tolosa - Francia
Cara Piera,
grazie veramente per queste tue spiegazioni, sono sempre super interessanti e soprattutto molto chiare e documentatissime!
Sei grande!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 4 mag 2007, 21:15 
Non connesso
veterano
veterano
Avatar utente

Iscritto il: 7 dic 2006, 16:28
Messaggi: 963
Località: Latina
bella soddisfazione...e grazie per lo splendido lavoro che hai compiuto, in realtà risulterà utilissimo per molti...
ciao Fr


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 4 mag 2007, 21:44 
Non connesso
VIP
VIP
Avatar utente

Iscritto il: 19 nov 2005, 17:23
Messaggi: 1619
Località: Brindisi
:shock: :shock: :shock: davvero brava la pianta ma te anche di più per averla salvata !!! sei grande pieraaaaaa!! :D

_________________
Nicola


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 4 mag 2007, 21:52 
Non connesso
veterano
veterano
Avatar utente

Iscritto il: 10 set 2006, 6:46
Messaggi: 944
Località: Trento
Piera, sei bravissima :clap:
Complimenti
Wanda

_________________
Se vuoi essere felice per un giorno - ubriachati,
Se vuoi essere felice per un anno - sposati
Se vuoi essere felice per tutta la vita fai il giardinaggio
(detto orientale)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 4 mag 2007, 22:15 
Non connesso
VIP
VIP
Avatar utente

Iscritto il: 31 ago 2006, 12:43
Messaggi: 1883
Località: Guidonia (Rm)
bel reportage, bravissima piera!!! concordo appieno sul fatto che con il giusto calore il recupero ha tempi di gran lunga inferiori. infatti io con diverse esperienze di sfagnoterapia fatte in stagioni diverse ho notato questa differenza, ovvero in inverno i tempi di radicazione sono più lunghi.

_________________
ludendo docere
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 5 mag 2007, 7:11 
Non connesso
frequentatore
frequentatore
Avatar utente

Iscritto il: 27 giu 2006, 6:27
Messaggi: 381
Località: campoformido(UD)
Bravissima Piera,la tua spiegazione servirà sicuramente a qualcun'altro.
Bacioni

_________________
CIAO,CIAO
ELENA


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 5 mag 2007, 13:04 
Non connesso
visitatore
visitatore

Iscritto il: 16 apr 2007, 19:22
Messaggi: 66
Località: Maremma
Complimenti anche da parte mie... il posto è lungo ma dovuto per le tue dettagliate informazioni... ora ho capito bene come si fa la sfagnoterapia... grazie!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 5 mag 2007, 13:30 
Non connesso
frequentatore
frequentatore
Avatar utente

Iscritto il: 13 gen 2007, 20:37
Messaggi: 336
Località: Poggibonsi (SIENA)
Piera, migliori informazioni a rigurdo non ne ho mai avute!!
Complimentoni!! :D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 5 mag 2007, 14:44 
Non connesso
VIP
VIP
Avatar utente

Iscritto il: 1 set 2005, 10:26
Messaggi: 2679
Località: Marigliano (NA)
Piera altro che terapia intensiva, dal tuo reportage mi sembrava un laboratorio di ricerca universitario. Brava il mio motto è non demordere mai.


Un salutone Emilia


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sfagnoterapia, diario
MessaggioInviato: 6 mag 2007, 0:35 
Non connesso
visitatore
visitatore
Avatar utente

Iscritto il: 20 gen 2007, 10:58
Messaggi: 50
Località: Lago Maggiore (VA) - siculo in trasferta
Ciao Piera,

bellissimo il documentario, altro che gli Angela! Ci vuole molto rigore e pazienza a prendere tutte quelle foto, metterle assieme e ricordarsi di dare l'"ossigeno" al sacchetto ogni giorno!
Hai pensato di farne un articolo scientifico? :) Se avessi seguito tutti i parametri con dovizia (Temperatura, umidità, pesi etc), quasi quasi ne verrebbe uno fuori.

Che tipo e marca di ormoni avevi utilizzato per la radicazione all'inizio?

A presto,
Giovanni


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 9 mag 2007, 18:35 
Non connesso
frequentatore
frequentatore
Avatar utente

Iscritto il: 6 apr 2007, 23:32
Messaggi: 112
Località: Bolzano
Piera ....
Come procede la sfagnoterapia????
Io la mia l'ho iniziata oggi...
Ho usato il tuo metodo.....(mi sembra ottimo)
Ciao


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 10 mag 2007, 20:01 
Non connesso
VIP
VIP

Iscritto il: 21 ott 2005, 23:34
Messaggi: 10580
Località: Provincia di Bergamo - mt 550 slm - zona climatica 7b (USDA)
Ciao a tuttissimi! :D

vi ringrazio per le bellissime parole che avete scritto: mi ripagano oltremodo l'impegno e il notevole tempo impiegato per postare e realizzare questo topic ..


@ Zirida, grazie per avermi confermato che il calore è mooolto importante.

@ Gioca, dai non esagerare... le foto le faccio sempre alle mie "prove sceme" perchè la mia smemoranda è sempre con me! In quanto agli ormoni radicanti.... quello da me impiegato....è il Rigeneral P della cifo.... composizione NAA puro.

@ Sasilan .... :wink:


Una cosa importante che ho dimenticato di scrivere nel mio post iniziale, che dopo correggo affinchè chi leggesse solo quello abbia tutto quanto.

Il gonfiaggio sacchetto!! Non tolgo il sacchetto, ma scosto l'elastico e il sacchetto dal vaso poco, poco quel tanto che basta per soffiarci dentro, per non modificare troppo il micro clima che si è creato all'interno.
Il cappello, diciamo, l'ho tolto completamente solo alle date scritte.


ancora tantissime grazie a tutti! :D :P



@ Dakar, penso che tutto prosegua al meglio! infatti il sacchetto dal 1 maggio ad oggi si sta lentamente sgonfiando!! quindi, secondo il mio punto di vista, va tutto ok.... magari lunedì ti posto una foto.
Dai!! metti una foto pure tu? hai usato ormoni radicanti? hai controllapo per bene la pianta che non avesse marcio, nero e che nessuna parte fosse molliccia al tatto?

_________________
ciaociao
piera


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 21 mag 2007, 16:29 
Non connesso
frequentatore
frequentatore

Iscritto il: 28 dic 2006, 15:52
Messaggi: 182
Località: Bergamo
ciao Piera,
io ho una phal in gravi condizioni :cry: e qualche giorno fa ho rimediato dello sfagno compresso: è una piccola tavoletta, sembra segatura pressata. Volevo sapere se, ovviamento idratato, va bene per fare "terapia intensiva" come hai fatto tu oppure se serve sfagno in condizioni diverse.

Grazie

Daniela


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 878 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 59  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it